Il livello di allenamento predice il rischio cardiovascolare

(Last Updated On: Settembre 29, 2011)

Il grado di attività fisica predice il rischio di malattie cardiovascolariSembra che una scarsa attività fisica, oltre ad essere indicata tra le cause di ictus e infarto possa lasciar prevedere il grado di rischio meglio delle tradizionali analisi del sangue e della pressione.

In due studi separati, i ricercatori della UT Southwestern Medical Center hanno scoperto che la velocità con cui un uomo di mezza età riesce a percorre un miglio, può aiutare a predire il rischio di morire di infarto o ictus nei decenni più tardi  e potrebbe essere un indicatore precoce di malattie cardiovascolari per le donne.

In un recente studio sul Journal of American College of Cardiology, i ricercatori hanno analizzato il rischio di malattia cardiaca a uomini di 45 – 55 e 65 anni in base al loro livello di forma fisica e ai fattori di rischio tradizionali, quali età, pressione arteriosa sistolica, diabete, colesterolo totale e abitudine al fumo. Gli scienziati hanno scoperto che bassi livelli di attività fisica in persone di mezza età sono associati, con differenze marcate, al rischio di morte per malattie cardiovascolari.

Ad esempio, un uomo di 55 anni che ha bisogno di 15 minuti per percorrere un miglio ha un rischio del 30 per cento di sviluppare malattie cardiache. Al contrario, un 55 enne che può percorrere un miglio in otto minuti ha un rischio inferiore al 10 per cento.

“Le malattie cardiache tendono a raggrupparsi e a manifestarsi in età avanzata, ma se si vuole evitare che ciò accada, la ricerca suggerisce che la prevenzione deve avvenire prima – quando una persona è tra i 40 e i 50 anni”, ha affermato Jarett Berry, assistente professore di medicina interna e coinvolto in entrambi gli studi.

Grazie a questo studio è emerso che un più elevato livello di forma fisica abbassa il rischio di malattie cardiovascolari per tutta la vita anche nelle persone con fattori di rischio (fumo, colesterolo alto, diabete, pressione alta).

In uno studio separato, i ricercatori della UT Southwestern hanno scoperto che il test del tapis roulant predice la probabilità che una persona muoia di malattie cardiache o ictus con più precisione, mentre la valutazione del rischio classica utilizza solo strumenti di previsione tipici come la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo.

Le malattie cardiache sono un killer leader nelle nazioni industrializzate e il killer numero uno delle donne; in particolare nelle donne statunitensi di età inferiore ai 50 i rischi cardiovascolari sono particolarmente difficili da valutare nel lungo termine.

“Quasi tutte le donne sotto i 50 anni di età sono a basso rischio per le malattie cardiache”, ha detto il Dott. Berry. “Tuttavia, quando le donne invecchiano, il rischio aumenta notevolmente. Nel nostro studio, abbiamo scoperto che bassi livelli di idoneità sono stati particolarmente utili per identificare le donne a rischio di malattia cardiaca nel lungo periodo.”

“Per decenni, gli scienziati hanno cercato di migliorare la loro capacità di determinare quali pazienti sono a più alto rischio di malattia cardiovascolare, basandosi sul sangue e su tecniche di imaging per cercare di migliorare la previsione del rischio, ma il livello di fitness non è mai stato esaminato fino ad ora”  – dice il Dott. Berry.

Per entrambi gli studi, i ricercatori hanno raccolto informazioni da migliaia di partecipanti che hanno subito esami clinici completi e un test di esercizio presso la Clinica Cooper a Dallas tra il 1970 e il 2006.

Nello studio JACC (Journal of American College of Cardiology), i ricercatori hanno valutato più di 11.000 uomini sottoposti al test prima del 1990. Le donne sono state escluse a causa del basso numero di partecipanti e degli scarsi tassi di mortalità cardiovascolare. Si sono registrati 1.106 morti di infarto o ictus durante il periodo di studio. Sono stati misurati i livelli di forma fisica e i fattori di rischio tradizionali per le malattie cardiache di ciascuno dei partecipanti . All’interno di ogni fascia di età, i livelli più elevati di benessere erano associati a bassi livelli di fattori di rischio tradizionali.

I ricercatori hanno scoperto che aggiungendo l’attività fisica, si potevano classificare più facilmente i partecipanti in base al rischio in:

– a breve termine (10 anni),

– a lungo termine (25 anni).

Nei prossimi studi i ricercatori cercheranno di estendere i parametri di indagine utilizzati alle donne.

Alcuni ricercatori della UT Southwestern coinvolti nello studio erano il Dott. Sachin Gupta – tirocinante post-dottorato in medicina interna e autore principale, il Dr. Anand Rohatgi – assistente professore di medicina interna; Colby Ayers – associato della facoltà di medicina interna; Dr. Amit Khera, assistente professore di medicina interna; Dott. Mark Drazner, professore di medicina interna e direttore medico del Programma di trapianto cardiaco, e il dottor James de Lemos, professore associato di medicina interna. Hanno partecipato alla ricerca anche i ricercatori della Clinica Cooper a Dallas e la Stanford University.

Lo studio della UT Southwestern è stato finanziato dal National Institutes of Health e dalla American Heart Association.

Fonte: sciencedaily.com

 

I commenti sono disabilitati.