La guarigione attraverso i piedi: la riflessologia integrata

(Last Updated On: Marzo 1, 2012)

 

– Patrizia Cavallo, riflessologa. –

Il trattamento di Riflessologia Plantare Integrata® è stato sviluppato dal Prof. Luigi Dragonetti (al quale devo la mia formazione), il quale ha integrato la pratica tradizionale della riflessologia di William Fitzgerald con sequenze di tecnica Metamorfica, digitopressione e tecnica cranio sacrale.

Nella mia pratica professionale, oltre ad applicare la tecnica precisa e scrupolosa la cosa più importante è “ascoltare” il piede e applicare la tecnica in base alle “sue” esigenze, rispettando in questo modo la parte più profonda della persona e il suo disagio.

Ogni trattamento diventa un “viaggio” e una riscoperta di se stessi esplorando un piede “sconosciuto” fino a quel momento, che ha bisogno di essere osservato, toccato, stimolato nei punti specifici, per comunicare al corpo l’aiuto necessario in quel momento preciso della vita.

Il trattamento riflessologico ha un’importanza speciale per il riequilibrio psico -fisico, per il raggiungimento del benessere e di una nuova consapevolezza; è un ottimo aiuto a livello preventivo, perché aiuta ad ascoltarsi: se fossimo educati ad ascoltare il nostro corpo non ci ammaleremmo così facilmente; la prevenzione infatti permette di anticipare il trattamento di un disagio quando ancora si trova in quella fase di preparazione alla sua manifestazione, così da intervenire per limitare i danni, rendere più veloce la guarigione o evitare il peggio migliorando la propria consapevolezza.

Il trattamento del piede fatto seguendo la tecnica in ogni caso agisce così precisamente ed efficacemente che può aiutare e favorire la guarigione nelle più svariate malattie.

Per fare un esempio, problemi a volte fastidiosi e con il rischio della cronicizzazione come la stipsi, la sinusite, l’ansia, lo stress, la sciatica, il mal di testa, il mal di schiena ( lombagie, cervicalgie ecc..), infiammazioni varie, la cellutite stessa (grande problema di noi donne) sono solo alcuni dei disagi che si possono trattare con ottimi risultati già dopo poche sedute di riflessologia e molti dei miei clienti lo possono confermare.

Il piede è come una mappa, l’isola del tesoro, e il tesoro è nascosto, bisogna trovare la strada giusta e le giuste indicazioni per arrivare a scoprire qual è il vero punto di partenza, la causa principale del disagio.

La riflessologia, partendo dai 5 organi principali, reni, fegato, milza, polmoni e cuore esplora tutti i sistemi e gli apparati seguendo sequenze precise per sbloccare i punti critici.

Lo stimolo dato al punto sul piede è trasmesso al cervello, che “informa” l’organo interessato. La stimolazione viene poi elaborata dall’organismo, il quale mette in movimento e riattiva i settori interessati dal disagio.

La persona che riceve questo trattamento può avere, come reazione iniziale, un leggero aggravamento dei sintomi, oppure sente dolore a volte anche abbastanza forte, nelle zone dei punti riflessi. Questo fastidio iniziale è comunque necessario per ripristinare la funzione virtuosa dell’organo o del sistema.

Già nei giorni successivi il trattamento si avvertono un miglioramento e una regressione dei sintomi.

Il trattamento produce un effetto rilassante e profondo porta la persona, anche la più irritabile o tesa, a lasciarsi andare gradatamente, il dolore che si avverte durante la stimolazione dei punti è per la maggior parte dei casi un momento liberatorio e fonte di sollievo, durante il trattamento capita di ricordare episodi vissuti e rimossi, spesso causa di traumi e dunque anche del malessere accusato.

Tutto ciò è davvero meraviglioso, la persona dopo il trattamento si sente liberata, sollevata, alleggerita, più sciolta, elastica, il movimento articolare diventa più fluido, il dolore si attenua, e compare il sorriso anche su volti tetri e corrucciati.

Il successo del trattamento riflessologico per protrarsi poi nel tempo ha bisogno anche di un corretto stile di vita, in particolare su questi cinque punti:

– alimentazione: essa gioca un ruolo fondamentale nella salute di ciascuno, e su questo le indicazioni sono le più diverse sempre in relazione alle abitudini della persona oggetto del trattamento.

– Il ritmo sonno – veglia: si sottovaluta molto il fatto che dormire profondamente è fondamentale per rigenerarsi.

– La disintossicazione da varie sostanze nocive: fumo, alcool, zuccheri e farine raffinate, bevande gasate e dolci industriali, eccesso di proteine animali, analgesici e psicofarmaci vari di cui spesso si abusa.

– L’attività fisica giornaliera.

– Osservare la natura: questa è una pratica che permette di ricollegarci alla nostra natura di esseri umani,  la natura ci porta a riflettere sul Creato e sulla grandezza del Creatore, cosa che alimenta il bisogno della nostra Anima di esprimere il suo desiderio di eternità.

In breve lo stile di vita determina chi desidero essere, e quanto mi sta a cuore il mio benessere e la mia salute. Per saperne di più leggi: Manuale di Riflessoterapia del piede

 

Patrizia Cavallo

I commenti sono disabilitati.