Tutta le verità sulle statine: rischi sottovalutati e grandi affari

(Last Updated On: Agosto 3, 2016)

Le statine, una classe di farmaci utilizzati per abbassare il colesterolo, sono attualmente tra quelli più comunemente prescritti nel mondo. Tra il 2000 e il 2005 l’uso di statine è aumentato di un enorme 156 per cento, passando da 15,8 milioni di persone a 29,7 milioni di persone. La spesa per questi farmaci è balzata da 7,7 dollari miliardi a 19,7 miliardi dollari per ogni anno dello stesso periodo.

Un nuovo studio pubblicato sull’American Journal of Cardiovascular Drugs cita quasi 900 studi sugli effetti collaterali degli inibitori della HMG-CoA reduttasi, le statine. La revisione fornisce fino ad oggi il quadro più completo sugli effetti indesiderati rilevati nelle statine.

I problemi muscolari sono gli effetti collaterali più conosciuti delle statine ma vengono ampiamente segnalati problemi cognitivi, dolore o intorpidimento alle estremità, aumenti della glicemia, problemi tendinei.

Vi sono le prove che le statine sono alla base di molti, troppi effetti negativi che non vengono considerati come tali.

Le statine abbassano i livelli di coenzima Q10, un componenete essenziale nei seguenti processi:

– per la produzione di energia all’interno dei mitocondri;

– per il controllo dei radicali liberi.

Dosaggi elevati di statine e statine più potenti sono legati ad un maggior rischio di sviluppare effetti collaterali.

Effetti collaterali a lungo termine dei farmaci ipocolesterolemizzanti

Spesso le statine hanno effetti collaterali immediati, così come spesso riescono ad abbassare i livelli di colesterolo di 50 punti o più. Questo sembra apparire come un beneficio immediato per la salute, mentre i problemi di salute che compaiono in capo a qualche mese non vengono interpretati come un effetto collaterale del farmaco, ma come nuovi, problemi di salute.

C’è tuttavia un crescendo di prove che dimostrano i gravi effetti collaterali a cui si va incontro diversi mesi dopo l’inizio della terapia.

Alcune delle possibili conseguenze a lungo termine nel prendere le statine:

  • perdita cognitiva
  • neuropatia
  • fibrillazione atriale
  • anemia
  • acidosi
  • febbri frequenti
  • cataratta
  • disfunzione sessuale

Altri effetti collaterali potenzialmente mortali e includono:

  • Un aumento del rischio di cancro
  • soppressione del sistema immunitario
  • degenerazione del tessuto muscolare grave (rabdomiolisi)
  • disfunzione pancreatica
  • Disfunzione epatica. (A causa del potenziale aumento degli enzimi epatici, i pazienti devono essere monitorati per la normale funzione del fegato)

Secondo l’ultima recensione pubblicata sull’American Journal of Cardiovascular Drugs(1), gli effetti avversi sono dose-dipendenti e i rischi per la salute sono amplificati da una serie di fattori, quali:

  • Interazione tra farmaci che aumentano la potenza delle statine
  • Sindrome metabolica
  • Malattie della tiroide
  • Altre mutazioni genetiche legate alla disfunzione mitocondriale

Le statine possono danneggiare per sempre le cellule muscolari

L’effetto collaterale più comune è il dolore muscolare e la debolezza, una condizione chiamata rabdomiolisi.

Purtroppo, per molti adulti anziani è improbabile riuscire a distinguere tra dolore muscolare causato da statine e dolore conseguente all’invecchiamento, quindi gli effetti avversi delle statine negli anziani possono essere notevolmente sotto-riportati.

I ricercatori ora hanno scoperto che vi è più di un modo in cui tale condizione può sorgere come risultato dell’assunzione di statine, tra cui:

  • L’esaurimento di Co-Q10, una sostanza nutritiva che supporta la funzione muscolare. In Giappone e Canada i medici sono passibili di denuncia per negligenza se prescrivono le statine senza prescrivere CoQ10.
  • Alterazione della capacità del muscolo scheletrico di riparare e rigenerare grazie all’effetto antiproliferativo delle statine. In uno studio recente, la vitalità delle cellule proliferanti è stato ridotto del 50 per cento ad una dose equivalente di 40 mg di Simvastatina – la dose giornaliera utilizzata di norma in alcuni pazienti. Questo potrebbe chiaramente avere un effetto negativo sulla capacità dei muscoli scheletrici di “guarire e riparare se stessi” e, alla fine, potrebbe portare alla totale incapacità del sistema muscolare di ricostruirsi e rigenerarsi.
  • Attivazione del gene atrogin-1, che svolge un ruolo chiave nell’atrofia muscolare.

La rottura del tessuto muscolare scheletrico a sua volta può anche portare ad insufficienza renale. L’industria nel frattempo insiste sul fatto che solo il 2-3 per cento dei pazienti ha dolori muscolari e crampi, ma secondo uno studio preso in esame dalla revisione(1), il 98 per cento dei pazienti trattati con Lipitor e un terzo dei pazienti trattati con Mevacor (una statina a basso dosaggio) soffriva di problemi muscolari.

Aggiungendo la beffa al danno, le persone attive hanno in realtà più probabilità di sviluppare problemi dall’uso di statine rispetto a coloro che sono sedentari.

In uno studio condotto in Austria, solo sei su 22 atleti con ipercolesterolemia familiare sono stati in grado di sopportare il trattamento con statine. Gli altri hanno interrotto il trattamento a causa del dolore muscolare.

L’importanza del coenzima Q10

Non ci sono avvisi ufficiali negli Stati Uniti per quanto riguarda l’esaurimento di CoQ10 dovuto alle statine e molti medici non informano su questo problema.

L’etichettatura in Canada avverte chiaramente in merito alla deplezione di CoQ10 e informa che la carenza di questo nutriente “potrebbe portare ad insufficienza cardiaca in pazienti borderline. ”

Il coenzima Q10 è un composto antiossidante fondamentale per il processo della produzione di energia all’interno dei mitocondri e nell’eliminazione dei radicali liberi in eccesso.

Le statine agiscono in tre modi:

  • alterano la funzione mitocondriale, che porta ad un aumento della produzione di radicali liberi;
  • abbassano i livelli di CoQ10 bloccando la via coinvolta nella produzione di colesterolo – stesso percorso attraverso il quale viene prodotto Q10.
  • riducono il colesterolo nel sangue che trasporta CoQ10 e altri liposolubili antiossidanti.

La perdita di CoQ10 porta alla perdita di energia cellulare e aumenta i radicali liberi.

Ciò significa che si spalancano le porte al danno del DNA mitocondriale delle cellule. Questo spiega perché le statine sono particolarmente pericolose in caso di danni mitocondriali pre-esistenti, e il tuo corpo si basa su ampie scorte di CoQ10 per bypassare questo danno.

La pressione alta e il diabete sono le conseguenze dei più alti tassi di problemi mitocondriali e se ci si trova in una di queste condizioni il rischio di complicazioni dovute alle statine aumenta considerevolmente, secondo quest’ultima revisione(1).

In ogni caso, si possono sviluppare sempre nuovi effetti avversi, dal momento che le statine possono causare danni progressivi ai mitocondri con il passare del tempo e i mitocondri tendono a indebolirsi con l’età.

Secondo il co-autore dello studio, la dottoressa Beatrice Golomb MD PhD – il rischio di effetti avversi aumenta con l’età e con il trascorrere del tempo. Questo spiega perché i benefici delle statine “non superano i rischi nelle persone oltre i 70 o 75 anni e in coloro con malattie cardiache. ”

Scopri la verità sul colesterolo e come controllarlo in modo naturale grazie agli studi del dottor M. Rath, indipendenti dalle case farmaceutiche.

form

Ricevi grauitamente il libro del dottor
M. Rath nella tua casella di posta elettronica.

Inserisci Nome ed Email qui sotto e clicca sul pulsante Scarica Subito.

libro-rath



I tuoi dati sono protetti dalla nostra Privacy Policy al 100%.
Potrai cancellarti con un click

Fonte e riferimenti:
1. American Journal of Cardiovascular Drugs 2008; 8 (6): 373-418

 

I commenti sono disabilitati.