Vivere la stagione invernale

(Last Updated On: Febbraio 14, 2012)

 

Quando si parla dell’inverno, spesso si crede che sia una stagione noiosa e pesante a causa del freddo, delle giornate corte e del raffreddore

In realtà come tutto ciò che riguarda la natura delle cose anche l’inverno possiede caratteristiche speciali.

La natura è regolata dai suoi cicli, in cui c’è una nascita, una crescita, uno sviluppo, un’espansione, una maturazione, una raccolta, un riposo: questo è ciò che accade durante le stagioni.

La primavera è il momento della nascita del seme, lo sbocciare delle gemme, della crescita graduale che diventa sempre più rigogliosa a seconda del calore del sole; poi c’è la maturazione tutto acquista più luminosità, più colore, la luce del sole è fiammeggiante e anche l’essere umano vive il periodo di maggiore espansione ed energia.

In autunno comincia il raccolto, si accumulano i frutti in vista dell’inverno, stagione in cui la natura si addormenta …

Quando siamo nel pieno dell’inverno, anche il nostro organismo risente di questo “letargo”, indubbiamente, e se ti ascolti un momento ti accorgerai di aver meno voglia di uscire, di star  bene tra le pareti domestiche, magari davanti al fuoco scoppiettante del camino.

Com’è bello sentirsi a casa propria al caldo, leggendo un bel libro, assaporando una tisana profumata, riscoprendo il gusto di lavorare a maglia o di giocare col tuo bambino/a magari insegnandogli qualche gioco che facevi tu da piccola!

Perché ti senti così desideroso di tranquillità, di serenità e di riposo? 

Perché tutto il tuo corpo (compresa la mente, quella saggia e istintiva) sa che in questo periodo è necessario il riposo, la riflessione, l’entrare dentro di te, nel tuo mondo interiore.  Assecondalo per quanto possibile.

Questo è un momento meraviglioso e necessario per fare il punto della situazione, per chiederti dove stai andando e se quello che fai ti soddisfa pienamente, se davvero stai camminando sulla strada giusta.

Non temere di farti queste domande, è il momento che te lo suggerisce, in estate sarebbe più difficile fermarsi a riflettere, in quanto l’estate è espansione, energia, azione, crescita.

E’ proprio ora il momento giusto! Tu sei lì, la giornata è finita sono le sei di sera è buio, e forse puoi assaporare il silenzio dopo una giornata di lavoro, lontano dal caos della città.

Hai chiuso la porta di casa tua, sei nel tuo regno.

Accendi una candela riempi la vasca da bagno, metti la tua musica preferita una bella musica soave e rilassante, e lasciati andare nell’acqua calda magari con dell’essenza di lavanda che rilassa i muscoli e goditi questo momento tutto per te, te lo meriti.

L’acqua ti riporta allo stato primordiale, alla pancia della mamma dove tutto era interno la luce, era filtrata, ti sentivi protetta e nutrita non dovevi pensare a nulla.

Poi preparati una bella tisana e sorseggiala mentre ti rilassi, prepara per cena una bella minestra calda, è davvero un toccasana per tutta la famiglia, la minestra nutre, rilassa, e concilia un bel sonno ristoratore.

Se sei mamma, insegna anche ai tuoi bambini a vivere questo silenzio invernale e questa calma metti anche loro nella vasca con dell’amido di riso che ammorbidisce e distende, dopo cena mettili a letto presto e leggi loro una bella fiaba così si addormenteranno sereni.

In questo modo avrai ancora del tempo per goderti la compagnia del tuo compagno.

La sera prima di dormire è il momento ideale per immergerti nella tua essenza e imparare a conoscerti meglio.

Tutto ciò racchiude in sé una magia impagabile, la magia del silenzio, della calma, del sonno, del riposo invernale che rigenera il corpo e l’anima e ti fa riconquistare il tuo spazio , il tuo spazio interiore, così prezioso per meditare, metabolizzare, creare dentro di te una vera e propria rigenerazione, il seme della novità del tuo presente e il preludio della novità del domani, del cambiamento ciclico ma anche del cambiamento interiore.

Buon inverno!

3 ricette di minestre ristoratrici ideali per l’inverno

Minestra di verze e patate per 4 persone 

1 cipolla

mezza verza piccola

2 patate

rosmarino

2 pugni di riso semi integrale bio

Sale

Curcuma

Fai dorare la cipolla tagliata a pezzetti con dell’olio extra vergine d’oliva in un tegame, poi aggiungi le patate tagliate a pezzi grossi e mescola un paio di volte aggiungi la verza tagliata a pezzi copri con acqua aggiungi un cucchiaino di brodo vegetale bio, risciacqua il riso sotto l’acqua corrente e aggiungilo alla minestra insieme col rosmarino controlla che l’acqua sia sufficiente la minestra non deve essere troppo liquida; dopo il bollore fai cuocere fino a che il riso sia morbido, puoi usare anche la pentola a pressione.

Servila con un pizzico di curcuma, è deliziosa!

 

2 – Vellutata di verdure 

Per questa minestra puoi usare tutte le verdure che vuoi, io la faccio così:

Un pezzo di zucca gialla

Un porro

Prezzemolo

Pepe

Metti nella casseruola con l’acqua la zucca senza la buccia tagliata a pezzi grossi e il porro tagliato a rondelle un pizzico di sale e porta a cottura ci vogliono circa 20 minuti poi con il frullino ad immersione tritura tutto fino a che diventi una bella crema, condisci con olio crudo un cucchiaio per ogni commensale e una spruzzata di pepe e il prezzemolo tritato, puoi servirlo con dei crostini di pane (così puoi riciclare il pane raffermo).

Anziché la zucca puoi metterci dei broccoli, carote, bietole, rape, scarola, come più ti piace.

3 – Minestra di cime di rapa

Mezzo kg. Di cime di rapa

Aglio peperoncino

Orecchiette o pasta corta

Pulisci de cime di rapa e tuffale nelle pentola con 2 lt d’acqua e un pugnetto di sale, quando l’acqua bolle butta la pasta. A parte fai soffriggere lo spicchio d’aglio e un pezzetto di peperoncino (per i bimbi condiscila solo con olio d’oliva extravergine crudo).

Condisci la minestra col soffritto: è una bontà! Anche qui è d’obbligo una fetta di pane casereccio riscaldato.

Con l’esperienza ti inventerai certamente delle ricette stupende puoi coinvolgere anche i tuoi bambini nella preparazione perché è semplice e divertente, puoi aggiungere dei legumi che sono proteici e puoi variare le verdure. Buon appetito!

 

Per il dopo cena ti consiglio una bella tisana per la digestione e per conciliare i sonno:

Un pizzico di semi di finocchio

Un pizzico di gramigna

Un pizzico di liquerizia

3 semi di cardamomo

Fai bollire ½ lt di acqua metti un cucchiaio di miscela spegni la fiamma copri e lascia in infusione per 20 minuti poi bevila calda favorisce la digestione e la diuresi, riscalda e rilassa.

Ai bambini puoi far bere della semplice camomilla con un cucchiaino di miele bio, la camomilla va lasciata in infusione 2 minuti e filtrata subito, il miele va aggiunto quando l’acqua è tiepida altrimenti i principi attivi vengono “bruciati“.

E per finire fai un pensiero di gioia amore e gratitudine universale per tutto ciò che di bello e positivo la natura e la vita ti hanno dato!

La gratitudine se coltivata aiuta a superare l’umore cupo, le difficoltà e molto altro! Per questo ti consiglio una lettura che può aiutarti a vivere meglio con te stesso:

 

A cura di Patrizia Cavallo  –  Naturopata e Reflessologa a Jesi (AN)

I commenti sono disabilitati.