329 0194373

Cause del diabete tipo 2 – Prima Parte

Cause del diabete tipo 2 - Prima parte

Cause del diabete tipo 2, peggioramento e carenze nutrizionali: una relazione trascurata?

L’OMS prevede che le morti attribuibili al diabete raddoppieranno tra il 2005 e il 20301. Come dovremmo interpretare questo dato se non come un fiasco della medicina ufficiale?

Le prove dello studio ACCORD dovevano validare, una volta per tutte, che i pazienti diabetici sotto trattamento per mantenere al di sotto del 6% l’emoglobina glicata sono in salute.

Invece c’è stato un aumento del 22% della mortalità per insufficienza cardiaca2, un effetto inaspettato che ha costretto a fermare lo studio.

Da qui sorge una riflessione:

“È possibile che il valore dell’emoglobina glicata NON debba essere l’obiettivo primario nel valutare i trattamenti per il controllo del diabete?”

Tra le cause del diabete tipo 2 le carenze nutrizionali?

In effetti, esistono due aspetti abbastanza trascurati nella tradizionale gestione del diabete: la ricerca delle carenze vitaminico/minerali nel sangue e l’integrazione nutrizionale.

Eppure se andiamo su PubMed e inseriamo, ad esempio, le parole chiave (in inglese) “tiamina deficit diabete” si ottengono decine di riferimenti che descrivono come molti sintomi del diabete sono causati da una carenza di tiamina.

Glicevit
Metabolismo degli zuccheri
Sostiene la normale funzione epatica
Glicevit

Le carenze di vitamine del gruppo B e di altri nutrienti essenziali sono molto comuni nella patologia diabetica3.

In uno studio del 1991 pubblicato sulla rivista internazionale per la Ricerca sulle Vitamine e i Nutrienti, un gruppo di ricercatori ha confrontato le concentrazioni plasmatiche di vitamine e sostanze nutritive tra 100 pazienti con il diabete tipo 2 e 112 non diabetici4.

Lo studio ha riscontrato che i diabetici hanno spesso carenze nutrizionali e bassi livelli di vitamine B1, B2, vitamine A-E, oltre a carenze di minerali.

Vitamine e minerali svolgono un ruolo di vitale importanza nei processi cellulari, in particolare nel metabolismo e nella produzione di energia cellulare e non dovrebbe sorprendere se le carenze nutrizionali sono tra le cause del diabete tipo 2.

Benefici della combinazione vitamine e minerali nei diabetici

In uno studio del 2005 pubblicato sulla rivista Diabetes Care, un gruppo di ricercatori ha confrontato i vantaggi offerti dalla combinazione di vitamine e minerali nel ridurre i danni ai reni nei pazienti con il diabete di tipo 2. Sono stati reclutati sessantanove pazienti con il diabete di tipo 2, e sono stati divisi in 4 gruppi.

Il primo gruppo ha ricevuto una combinazione di zinco e magnesio; al secondo gruppo sono stati date vitamine C ed E; il terzo gruppo ha invece integrato con una combinazione di 2 minerali e 2 vitamine, mentre l’ultimo gruppo ha preso un placebo.

I risultati dello studio hanno mostrato che solo la combinazione di tutti e 4 i micronutrienti (vitamine e minerali inseme) ha significativamente migliorato la funzionalità renale5.

Un gruppo di ricercatori ha sviluppato un programma vitaminico che ha come obiettivo la regolarizzazione glicemica.

Per testare questo programma è stato condotto uno studio pilota con 10 pazienti affetti da diabete tipo 2. Dopo soli sei mesi di integrazione i livelli glicemici si erano ridotti di circa il 23%, mentre il valore dell’emoglobina glicata è diminuito del 9,3%.

Ebook-colesterolo-in-salute
Diventa esperto del tuo colesterolo

Scopri di più

Impara come proteggere dai farmaci il tuo sistema cardiovascolare attraverso l’alimentazione e l’integrazione funzionale. Libro scaricabile gratuitamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *