329 0194373 CONTATTI
Difficoltà a dimagrire: rapporto tra pH e insulina 1 -

Difficoltà a dimagrire: rapporto tra pH e insulina

Difficoltà a dimagrire: rapporto tra pH e insulina 2 -Il pH del corpo, quando, senza sintomi apparenti, tende ad essere acido, può indurre la morte o la mutazione genetica delle cellule, e può condizionare situazioni, apparentemente meno rischiose per la salute, come il sovrappeso e il grasso addominale.

Un pH acido ha un’influenza notevole sulla maggior parte dei problemi di peso, tra cui anche diabete e obesità, di fatto ostacolando il dimagrimento, indipendentemente dalla dieta e dal tuo impegno.

Tra i sintomi di un pH acido si annovera anche un forte appetito, per cui talvolta,  i morsi della fame possono placarsi elevando il pH a valori alcalini.

È interessante notare che storicamente, prima dell’avvento dell’insulina sintetica, il diabete veniva trattato tamponando il sistema con polveri alcalinizzanti.

Ecco cosa succede quando un sistema è troppo acido (pH dei fluidi del corpo inferiore a 7).

Una condizione nota come sensibilità all’insulina o Sindrome X,  costringe il sistema a produrre troppa insulina, e il corpo, così invaso dall’insidioso ormone, ricevendo l’ordine di non sprecare calorie, le converte diligentemente in grasso.

Si pensa che un pH acido segnali subito la risposta genetica per una carestia imminente, interagendo direttamente con tutto l’asse insulino-glucagone. Come conseguenza il corpo produce più insulina del solito, e a sua volta, produce più grasso e lo conserva.

In generale, più insulina circola nel corpo, maggiore è la probabilità che il grasso venga prodotto e conservato, piuttosto che usato e bruciato come energia.

Al contrario, un pH sano, leggermente alcalino, è più probabile induca l’attività metabolica a burciare grasso, evitando ulteriori richieste al corpo di produrre insulina, come conseguenza, si verifica la perdita di peso.

Con un pH sano, oltre a bruciare grassi, il tuo peso tende a stabilizzarsi al risultato raggiunto, smettendo di subire l’effetto yo-yo, con peso aggiuntivo ad ogni cambio di dieta.

Al contrario l’aumento della pressione a produrre insulina, ostacola la comunicazione in alcune cellule pancreatiche, e il sistema immunitario inizia a fornire risposte in eccesso.

Lo stress, nelle cellule beta del pancreas (il Coenzima Q10 aiuta a proteggere queste cellule ), aumenta, rendendo difficile per loro sopravvivere. In un senso molto reale, semplicemente bruciano! L’acidosi viene vista come precursore importante, ma spesso sottovalutato, del diabete mellito.

hoodia

Riferimenti

http://www.drlam.com/articles/acidosis.asp

 

I commenti sono disabilitati.