329 0194373

Vitamina D3 e K2 insieme o meglio separate?

Vitamina D K2: separate o insieme?

Recentemente si è scoperto che la vitamina D3 e K2 insieme agiscono in sinergia nel tessuto osseo e vascolare, nella regolazione glicemica e insulinemica e delle funzioni immunitarie.

Perchè vitamina D3 e K2 insieme

Vitamina D3 + K2 naturali
MyD3K2 Integratore alimentare di Vitamina D3+K2Adatto per adulti e bambini

La vitamina D aumenta i livelli di calcio nel corpo. La vitamina K aiuta a “fissare” il calcio nelle ossa evitando che si depositi nelle arterie.

Quindi, dosi elevate di vitamina D3 in presenza di carenza di vitamina K, in particolare K2, potrebbero indurre effetti negativi a causa dell’eccesso di calcio.

Inoltre, ci sono prove sufficienti per affermare che l’integrazione congiunta di vitamina D3 e K2 insieme potrebbe essere più efficace dell’assunzione separata.

L’efficacia dimostrata da questa potente combinazione fornisce un valido motivo per mangiare una dieta sana che includa carne, fegato da pollame, burro ghee, uova, pesce (da animali non nutriti a cereali), funghi, verdure e alimenti fermentati1, e per scegliere, al bisogno, una integrazione funzionale alla biochimica del corpo.

Questo spiega la diffusione di integratori contenenti vitamina D3 e K2 insieme. Nonostante quest’associazione sollevi dei dubbi, alcune prove scientifiche invece ne confermerebbero la validità.

Vitamina D3: cos’è e come funziona

La vitamina D non è una vitamina ma un gruppo di pro-ormoni liposolubili, di cui fa parte il colecalciferolo (vitamina D3).

Viene sintetizzato a partire dal colesterolo, quando la pelle inizia a scaldarsi e soprattutto ad arrossarsi sotto i raggi solari ultravioletti (UVB).

Questo tipo di radiazione solare è corta, molto calda e colpisce la crosta terrestre tra le 11.30 e le 15.00, quando il sole si trova allo zenit.

In tale fascia oraria, è sufficiente mezz’ora di esposizione solare della maggior parte della pelle, senza alcuna protezione.

In genere, l’esposizione solare copre il 90% del fabbisogno di vitamina D, mentre il restante 10% dipende dall’alimentazione, tranne che per la popolazione Inuit, abitante le terre dell’Artico.

Diversamente dal resto della popolazione mondiale, gli Inuit ottengono la vitamina D dai grassi del pesce, presenti ogni giorno e in gran quantità nella loro dieta carnivora2.

Più in generale, la carenza di vitamina D è un problema grave che riguarda tutta la popolazione mondiale, indipendentemente dalla latitudine.

Si stima che circa un settimo della popolazione mondiale sia carente di vitamina D3.

La vitamina D è fondamentale per le funzioni del sistema immunitario, per prevenire malattie come il diabete, il cancro, le malattie autoimmuni, le malattie infettive, le otiti, le malattie dell’apparato respiratorio e cardiovascolari.

La vitamina D può essere utile per prevenire la depressione e il suo peggioramento4567, dato che è coinvolta nelle funzioni nervose. Inoltre, aiuta a ridurre le crisi asmatiche8 e la psoriasi.

Quali sono i livelli ottimali di vitamina D

Sono considerati valori normali di 25(OH)D compresi tra 30 a 60 ng/mL.

Carenza  <  20 ng

Insufficienza  20 – 30 ng

Eccesso  > 100ng

Tossicità  > 150 ng

Livelli elevati fino a 100 ng/mL, riscontrati in individui che ricevono un’intensa esposizione al sole, sono stati giudicati sicuri e privi di effetti negativi9.

Assunzioni raccomandate e dosaggi per l’integrazione

Si stima che l’alimentazione in Italia fornisca in media circa 300 UI al giorno, perciò quando l’esposizione solare è assente si deve garantire una integrazione minima, dalle 1.200 alle 2.000 UI al giorno in soggetti sani, per evitare la carenza di vitamina D10.

Ricevi la Newsletter

Secondo le ultime raccomandazioni EFSA11 (Autorià Europea per la Sicurezza Alimentare) l’assunzione giornaliera raccomandata è la seguente:

  • per i neonati da 7 a 11 mesi 10μg (400 UI)
  • da 1 a 17 anni 15μg,
  • per gli adulti 15μg (600 UI),
  • gravidanza e allattamento  15μg

In caso di carenza, l’Istituto Superiore di Sanità raccomanda una dose di mantenimento tra le 1000 e le 4000 UI al giorno.

Per ciò che riguarda le “dosi di attacco”, somministrate mensilmente, sembra che non siano adatte a tutti. Nelle persone anziane, dosi elevate possono peggiorare il declino cognitivo12. L’esperienza clinica suggerisce che un dosaggio personalizzato in base al BMI (indice di massa corporea) consente di ottenere risultati migliori in soggetti carenti13.

Vitamina K2: cos’è e come funziona

La Vitamina K descrive un gruppo di 3 molecole, ognuna con funzioni diverse:

  • vitamina K1 (fillochinone),
  • vitamina K2 (menachinone),
  • vitamina K3 (menadione idrosolubile).

La vitamina K1 (fillochinone) è di origine vegetale (ad es. cavolo, spinaci, lattuga), ed è quella che sembra essere più coinvolta nei processi di coagulazione del sangue14.

La vitamina K2 (menachinone) favorisce l’assorbimento della microflora intestinale ed è essenziale per il benessere delle ossa e dei tessuti connettivi.

La K2 si suddivide in sottotipi in base al numero di isoprenoidi, da MK-4 a MK-13, (MK sta per menachinone) a cui sono stati attribuite funzioni simili.

La MK-4 è l’unico tipo di K2 che si forma nei tessuti umani e animali anzichè da fermentazione come le altre forme di menachinone15.

La vitamina K3 è sintetica e la FDA ne ha vietato l’uso per il consumo umano a causa della sua alta tossicità.

Vitamina D3 e K2 insieme o meglio separate

I batteri intestinali sembrano in grado di convertire la K1 in K216, ma i ricercatori non sono riusciti a stabilire il contributo preciso di tale conversione al fabbisogno complessivo di vitamina K.

La carenza di vitamina K2 sembra essere molto comune, anche se non causa effetti a breve termine come una carenza di K1.

Secondo uno studio del 200717 la maggior parte delle persone ha una carenza subclinica di vitamina K2.

Probabilmente, questa carenza dipende dal fatto che gli animali da cui si ricavano uova, burro, burro ghee, latte e carni (fonti di vitamina K2 MK-4)18 vengono più spesso nutriti con cereali anzichè con erba.

La carenza di vitamina K2 è stata associata a osteoporosi, tumori, diabete, malattie infiammatorie e cardiovascolari.

Studi clinici randomizzati hanno dimostrato che i pazienti con osteoporosi, malattie cardiovascolari e cancro possono beneficiare di una integrazione di vitamina K21920.

Assunzioni raccomandate di Vitamina K2

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare ha fissato il fabbisogno giornaliero di vitamina K21:

  • per gli adulti 70 μg;
  • per i neonati 7-1 mesi 10μg/giorno;
  • per bambini di 1-3 anni 12μg/giorno;
  • per ragazzi di 15-17 anni 65μg/giorno.

In persone sane, una dose integrativa sotto i 50 mcg di vitamina K2 al giorno non interferisce con i normali processi di coagulazione. Se però si assumono anticoagulanti è necessario monitorare l’INR22.

Il Calcio

La vitamina D regola il metabolismo del calcio e del fosfato23 ma il suo ruolo è anche mantenere stabili i livelli di calcio nel sangue, in modo che questo minerale possa essere disponibile al bisogno anche per altre funzioni24.

Il calcio nel sangue interviene ad esempio nella regolazione dell’equilibrio acido-base, un aspetto di vitale importanza, tanto che al bisogno, la vitamina D può prelevare il calcio dalle ossa25, causando perdita ossea e osteoporosi.

Il sovradosaggio di vitamina D3 può invece condurre a ipercalcemia (concentrazione sierica elevata di calcio, superiore a 10,4 mg/dL) che può interferire con il ritmo cardiaco, causare crampi muscolari, calcoli renali[/efn_note]Letavernier E et al. 2018 PMID: 29562593[/efn_note], darrea e vomito26, come riporta anche il bugiardino del farmaco D-Base.

Relazione tra le vitamine D3 e K2

La vitamina K è necessaria per la carbossilazione delle proteine dipendenti dalla vitamina K, come l’osteocalcina e la proteina Gla di matrice.

La vitamina D promuove la produzione di proteine dipendenti dalla vitamina K.
integrazione vitamina d e k interazioni

dp-ucMGP = proteina Gla a matrice defosforilata
e non carbossilata a matrice Gla

Le proteine dipendenti dalla vitamina K sono necessarie per gli organi extraepatici come l’osso e il sistema vascolare.

Perciò, mentre viene favorita la mineralizzazione ossea, nel contempo viene inibita la calcificazione dei tessuti molli.

Ricevi la Newsletter

Un bilancio positivo su due fronti: si riduce il rischio di fratture e il rischio di malattie coronariche.

Benefici dell’integrazione vitamina D3 e K2 insieme

Vitamina D3 + K2 naturali
MyD3K2 Integratore alimentare di Vitamina D3+K2Adatto per adulti e bambini

Nell’insieme, le evidenze sull’integrazione di vitamina D e K insieme, nella maggior parte degli studi, descrivono effetti benefici sulla densità minerale ossea delle donne in postmenopausa.

Una pubblicazione del 201727 riassume le prove disponibili sull’interazione sinergica tra le vitamine D e K per la salute ossea e cardiovascolare.

Benché siano stati esaminati anche alcuni studi su animali, l’attenzione principale è stata rivolta alla popolazione generale. Sono stati valutati studi osservazionali e studi clinici di integrazione nutrizionale separata e congiunta per entrambe i nutrienti.

I risultati suggeriscono che il trattamento combinato con le vitamine D e K sia più efficace dell’assunzione separata.

Vitamina d3 e k2 insieme al calcio possono completare il trattamento dell’osteoporosi al pari della terapia a base di bifosfonati, ma senza tossicità28.

Inoltre, l’integrazione di vitamina D3 e K2 insieme aiuta a prevenire l’insulino-resistenza29.

La vitamina D3 e K2 cooperano in un modo unico per ammorbidire le arterie e prevenire le malattie cardiovascolari30.

Ha senso quindi assumere le vitamina D3 e K2 insieme, anche perché non competono nelle loro funzioni e nell’assorbimento, sono entrambe vitamine liposolubili, hanno un ruolo centrale nel metabolismo del calcio.

La vitamina D promuove la produzione di proteine dipendenti dalla vitamina K, ovvero proteine che richiedono la vitamina K per la carbossilazione al fine di funzionare correttamente.

Esiste dunque una interazione sinergica tra le funzioni svolte dalle vitamine D e K.

Ipertensione e malattie cardiovascolari

La combinazione di ridotti livelli di queste vitamine è stata associata ad un aumento della pressione sanguigna e ad una rischio di ipertensione tendenzialmente più elevato31.

Esperimenti di laboratorio in vivo e studi sull’uomo suggeriscono che le concentrazioni ottimali di vitamina D e di vitamina K sono benefiche non solo per la salute ossea ma anche per la salute cardiovascolare, e lo confermano studi genetici, molecolari, cellulari e clinici.

Studi su animali hanno dimostrato come l’integrazione di vitamina K2 (ma non K1) riesce ad inibire la calcificazione arteriosa, e persino a rimuovere il 30-50% del calcio depositato.

In ambito umano, sono ancora poche le indagini cliniche sull’integrazione congiunta di vitamina D e K in relazione alla riduzione dell’arteriosclerosi.

La maggior parte degli studi clinici ha esaminato l’integrazione di vitamina D e K sulla salute delle ossa, piuttosto che sul sistema cardiovascolare.

Tuttavia, nonostante le limitazioni, le ricerche dimostrano che la stessa integrazione fornita in modo congiunto per ossa e articolazioni potrebbe essere benefica anche per le arterie32.

Salute delle ossa

Vitamina D3 + K2 naturali
MyD3K2 Integratore alimentare di Vitamina D3+K2Adatto per adulti e bambini

La vitamina D assicura che i livelli ematici di calcio (vedi relazione Vitamina D e fratture) siano costanti ma non controlla completamente dove il calcio si depositi. Ecco allora che la vitamina K2 interviene in due modi:

1. Promuove la calcificazione dell’osso attivando l’osteocalcina, una proteina che favorisce l’accumulo di calcio nelle ossa e nei denti (4).

2. Riduce la calcificazione dei tessuti molli come i reni e i vasi sanguigni attiviando la proteina GLA della matrice (MGP: Matrix Gla-Protein)333435.

Sistema immunitario e malattie infettive

La vitamina D interagisce direttamente con le cellule responsabili della lotta alle infezioni36.

Diversi studi osservazionali di grandi dimensioni hanno mostrato un legame tra carenza di vitamina D e infezioni del tratto respiratorio come raffreddore, bronchite e polmonite3738.

L’insufficienza respiratoria e il tromboembolismo sono frequenti nei pazienti infettati da coronavirus nella sindrome respiratoria acuta grave.

La vitamina K attiva sia i fattori di coagulazione epatici che la proteina S anticoagulante endoteliale extraepatica, necessaria per la prevenzione della trombosi.

In caso di carenza di vitamina K, i fattori procoagulanti epatici hanno la precedenza rispetto a quelli extraepatici.
La Gla della matrice (MGP), attivata dalla vitamina K, protegge dai danni le fibre elastiche polmonari e vascolari.

Uno studio recente suggerisce che la deplezione extraepatica della vitamina K indotta dalla polmonite, porta ad un danno accelerato delle fibre elastiche e alla trombosi nei casi più gravi39.

Sindorme dell’ovaio policistico e Diabete

Ricevi la Newsletter

Uno studio 40 randomizzato in doppio cieco e controllato con placebo ha cercato di determinare gli effetti di una integrazione combinata di vitamine D e K sui marcatori del metabolismo insulinico e sui profili lipidici in donne carenti di vitamina D e affette PCOS (sindorme dell’ovaio policistico).

Lo studio ha coinvolto 55 donne carenti di vitamina D con diagnosi di PCOS di età compresa tra i 18 e i 40 anni.

I ricercatori hanno concluso che l’integrazione congiuta ha avuto effetti benefici sui marcatori del metabolismo dell’insulina, sui trigliceridi e sui livelli di colesterolo VLDL.

Diabete tipo 2

L’integrazione di vitamina D3 con 1000 o 2000 UI/die, in 225 ragazzi obesi tra i 10 e i 18 anni, ha ridotto la pressione sanguigna, la glicemia a digiuno e ha migliorato la sensibilità all’insulina41.

Ebook-vitamina-D3

Scopri perché le Vitamine D3 + K2 sono così importanti

Favoriscono le funzioni del sistema immunitario e il metabolismo delle ossa di grandi e piccini.

Scopri di più

Libro scaricabile gratuitamente.

  1. Walther B, Chollet M. 2017 DOI: 10.5772/63712
  2. Kaleta C et al 2012  PMID: 22584514.
  3. Wacker M, et al, 2013 Nutrients PMID: 23306192
  4. Okereke OI, et al. J Affect Disord. 2016 PMID: 26998791
  5. Ju SY, et al. J Nutr Health Aging. 2013 PMID: 23636546
  6. Jorde R, et al. J Intern Med. 2008 PMID: 18793245
  7. Shipowick CD, et al. Appl Nurs Res. 2009 PMID: 19616172
  8. Lehouck A, et al. Ann Intern Med. 2012 PMID: 22250141
  9. Khan QJ, Fabian CJ. J Oncol Pract. 2010 PMID: 20592785
  10. Riferimento convegno Dott. Mario Verri
  11. Dietary Reference Values for nutrients – Documento aggiornato al 2019
  12. JAMA Intern Med. 2016 doi:10.1001/jamainternmed.2015.7148
  13. Dalle Carbonare L et al. 2017 PMC5537772
  14. Booth SL. 2012 PMCID: PMC3321250
  15. Walther B, Chollet M. 2017 DOI: 10.5772/63712
  16. Conly JM, Stein K. 1992 PMID: 1492156
  17. Cranenburg EC et al. 2007 PMID: 17598002
  18. Walther B, Chollet M. 2017 DOI: 10.5772/63712
  19. Hey H, Brasen CL. K2-vitamin har betydning ved en række sygdomme [Vitamin K2 influences several diseases]. Ugeskr Laeger. 2015 – PMID: 26321585
  20. Flore R et al. 2013  PMID: 24089220
  21. Dietary Reference Values for nutrients – Documento aggiornato al 2019
  22. Gerry Kurt Schwalfenberg – J Nutr Metab. 2017 PMID: 28698808
  23. Aloia JF et al. Am J Clin Nutr. 2014 PMID: 2433505
  24. NBK56060
  25. Eisman JA et al. Bonekey Rep. 2014 PMID: 24605216
  26. Pérez-Barrios C. et al. Clin Nutr. 2016 PMID: 26995293
  27. van Ballegooijen, Adriana J et al. International journal of endocrinology doi:10.1155/2017/7454376
  28. Gerry Kurt Schwalfenberg – J Nutr Metab. 2017 PMID: 28698808
  29. Asemi Z et al. 2016 PMID: 27198036
  30. Braam LA et al. 2004 PMID: 14961167
  31. van Ballegooijen, Adriana J et al. Hypertension (Dallas, Tex. : 1979) doi:10.1161/HYPERTENSIONAHA.116.08869
  32. Braam LA et al. 2004 PMID: 14961167
  33. Theuwissen E. et al. Adv Nutr. 2012 PMID: 22516724
  34. Schurgers LJ et al. Z Kardiol. 2001 PMID: 11374034
  35. Hauschka PV. Haemostasis. 1986 PMID: 353090
  36. Schwalfenberg GK. Mol Nutr Food Res. 2011 PMID: 20824663
  37. Jat KR. Trop Doct. 2017 PMID: 27178217
  38. Pletz MW et al. Respir Res. 2014 PMID: 24766747
  39. Clinical Infectious Diseases, ciaa1258,
    https://doi.org/10.1093/cid/ciaa1258
  40. Karamali M et al. 2020 PMID: 28407660
  41. Rajakumar K et al. 2020 PMID: 31950134

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Google premia i contenuti originali