329 0194373

Aritmia cardiaca: rimedi naturali, cause, fattori di rischio

Aritmia cardiaca: anomalia della frequenza o del ritmo del battito cardiaco, provocata da un disturbo della produzione o della propagazione degli impulsi emessi dalle cellule che compongono il “sistema elettrico” del cuore.

Le cause di aritmia cardica sono molteplici, ma non sempre sono chiare.

Alle origini del battito cardiaco

Il cuore ha una caratteristica unica rispetto a tutto il resto del corpo: l’impulso elettrico da cui dipende la contrazione del miocardio (muscolo cardiaco) non proviene dal Sistema Nervoso Centrale, bensì dal cuore stesso1.

L’innesco del ritmo cardiaco avviene nel nodo seno-atriale, un gruppo specializzato di cellule conduttrici del miocardio situato nella parete superiore e posteriore dell’atrio destro, in prossimità dell’orifizio della vena cava superiore.

Sistema elettrico del cuore

Aritmia cardiaca rimedi naturali, cause, fattori di rischioDefinito anche pacemaker o centro segnapassi, il nodo seno-atriale ha la più alta velocità di depolarizzazione. Dà inizio al ritmo sinusale, ovvero al normale schema elettrico seguito dalla contrazione del cuore.

Normalmente il battito cardiaco ha un valore compreso tra i 70 ed i 100 battiti al minuto; al di sotto dei 60 si parla di bradicardia, sopra i 100 battiti è tachicardia.

Classificazione delle aritmie

Classificazione delle aritmie cardiache

Fibrillazione atriale: la più comune delle artimie

La fibrillazione atriale (FA) è il tipo di aritmia più diffusa e in continuo aumento nella popolazione234.

La caratteristica distintiva della fibrillazione atriale è un battito cardiaco rapido e irregolare, generato da impulsi caotici che rendono le contrazioni atriali scoordinate e inefficaci.

Il flutter atriale ha un meccanismo molto simile, ma si associa ad un rischio più basso di ictus5.

A livello farmacologico il trattamento previsto per il flutter atriale è il medesimo della fibrillazione atriale.

Aritmia cardiaca sintomi

I sintomi più frequenti che riguardano le aritmie sono:

  • dispnea
  • ansia
  • palpitazioni
  • vertigini
  • debolezza
  • dolore al petto

Le aritmie sono pericolose perché possono aumentare il rischio di ictus. Un battito cardiaco irregolare determina un flusso di sangue rallentato nelle camere del cuore, dove basta che si fermi una minima quantità sangue per formare un coagulo.

Fattori di Rischio

Cause di aritmia cardiaca sottovalutate?

Le cause più comuni di aritmia cardiaca non sono collegate solamente a patologie cardiache, come valvulopatia, coronaropatia, insufficienza cardiaca o stenosi dell’aorta.

Esistono molte altre cause documentate che meritano un approfondimento: glicemia elevata e diabete, carenza di magnesio, carenza ed eccesso di potassio, omocisteina elevata, ipercalcemia, farmaci, istamina, inquinamento ambientale e radiazioni ionizzanti.

Come si cura? Farmaci e rimedi naturali di supporto

Nel tempo le cure allopatiche diventano sempre meno efficaci

Le opzioni terapeutiche della medicina allopatica si limitano a trattare i sintomi di aritmia cardiaca, senza considerare il ruolo biologico dei micronutrienti essenziali per l’attività cellulare del miocardio.

I trattamenti farmacologici più prescritti per normalizzare il battito cardiaco sono: beta-bloccanti,  anticoagulanti e antiaritmici. Purtroppo, l’effetto collaterale più frequente è proprio il disturbo del ritmo cardiaco32 33.

Man mano che l’aritmia peggiora, nonostante i farmaci, si ricorre, ad esempio, alla cardioversione – elettrica o farmacologica. Tale procedura può aumentare il rischio di ictus34.

Un altro trattamento che tuttavia non garantisce la totale scomparsa dell’aritmia è l’ablazione. Si tratta di una cauterizzazione di parti di muscolo cardiaco allo scopo di bloccare gli impulsi elettrici anormali.

Si procede invece all’impianto del pacemaker quando le pause tra i battiti diventano troppo lunghe.

Aritmia cardiaca rimedi naturali

Attraverso due approcci naturali concreti è possibile, a seconda dei casi, evitare e ridurre l’intensità e la frequenza degli episodi aritmici, migliorando la qualità di vita: la prevenzione e l’integrazione funzionale.

1. Prevenzione

  • Evitare il vizio del fumo, l’eccesso di caffè, di alcool e di bevande energetiche
  • Fare attività fisica e seguire una dieta adeguata alle proprie esigenze
  • Mantenere il peso forma, limitare i carboidrati con una dieta low-carb
  • Mantenere nella norma la pressione del sangue
  • Dormire e mangiare a orari regolari
  • Ridurre le cause di stress
  • Assumere una integrazione funzionale al metabolismo cellulare del cuore e del sistema cardiovascolare (vedi studio clinico)
  • Sottoporsi a sedute di osteopatia viscerale, una tecnica di manipolazione corporea che può aiutare a ridurre i sintomi di aritmia soprattutto quando sono in relazione a reflusso gastroesofageo, erina iatale e stress35.

2. Integrazione funzionale

Il presupposto chiave per la normale attività del miocardio è l’energia biologica disponibile nelle relative cellule.

A livello biochimico, la bioenergia cellulare si sviluppa grazie all’attività degli enzimi, i quali possono attivarsi solo grazie alla presenza ottimale e costante di micronutrienti. Questo vale per la cellula di qualsiasi organo.

L’alimentazione, lo stile di vita e le varie sostanze chimiche, tra cui l’inquinamento, possono determinare un aumento del fabbisogno e una carenza a lungo termine di micronutrienti. Gli aspetti biochimici di tali fenomeni sono stati ampiamente descritti in numerosissimi studi.

Ad esempio, è stato dimostrato che nelle cellule del sangue, l’inquinamento ambientale crea uno sbilanciamento dei processi metilativi, aumentando di conseguenza il fabbisogno di micronutrienti3637.

Sinergia di micronutrienti testata in pazienti con aritmia cardiaca

Prima di presentare lo studio, è necessario sottolineare che all’interno delle cellule il ciclo metabolico si compie grazie alla cooperazione di gruppi di vitamine, cofattori e coenzimi. Diamo un’occhiata a quelli più studiati per favorire la regolarità del battito cardiaco.

Vital Cardio  – Benessere Cardiovascolare

  • Vitamine del gruppo B, Vitamina E, C, L-Carnitina, Taurina e il Coenzima Q-10 nelle forme naturali e maggiormente biodisponibili.
  • Supporta tutto il sistema cardiovascolare
  • Favorisce la sintesi di bioenergia per la regolarità dei battiti cardiaci

Vitamine del gruppo B

La vitamina B1, B2, B3, B5, B6, B12 e la biotina sono vettori energetici importanti nel metabolismo cellulare.

La vitamina B1 è essenziale per la funzione ottimale delle cellule del muscolo cardiaco. Nel 1929 gli scienziati Christiaan Eijkmann e Frederick Gowland Hopkins hanno stabilito la correlazione tra cardiopatia e carenza di vitamina B1, cosa che viene puntualmente ignorata da parte dei moderni approcci medici alla cardiopatia.

Cardiopatia a carenza di vitamina B1

Coenzima Q10

Il coenzima Q10 (CoQ10) è il componente chiave nel ciclo di formazione di energia nei mitocondri, la sede in cui si produce l’energia biologica (ATP) necessaria per far funzionare le cellule.

Un apporto ottimale di CoQ10 è particolarmente importante per le cellule del muscolo cardiaco a causa della loro elevata necessità di bioenergia. I tessuti muscolari sono la fonte più ricca di questa sostanza che ha anche notevoli proprietà antiossidanti.

Carnitina

La carnitina può essere prodotta nelle cellule del nostro corpo a partire dagli aminoacidi lisina e metionina.

La lisina è un nutriente essenziale, e dato che proviene solo dalla dieta, la sua carenza è probabile. La sintesi di carnitina richiede anche quantità adeguate di vitamina C, ferro, vitamina B6 e niacina.

La carnitina è essenziale per il trasporto di acidi grassi nei mitocondri. Il suo ruolo è molto importante perché gli acidi grassi sono la fonte primaria di bioenergia per il muscolo cardiaco.

Le riserve di carnitina dipendono in gran parte dalle condizioni del nostro organismo. In tutti i casi di sindrome metabolica, diabete e assunzione eccessiva di carboidrati, la sintesi endogena di carnitina risulta inibita. Ciò determina un aumento della stanchezza generale e anche a livello cardiaco. Una dieta low-carb, con pochi carboidrati, consente di riattivare questo meccanismo biochimico e di ripristinare i livelli di questo aminoacido nell’organismo38.

Vitamina C

La vitamina C aiuta a smaltire l’istamina39, è necessaria per la produzione di carnitina ed è un importante mediatore della produzione di energia nelle cellule.

È l’antiossidante universale delle cellule del corpo, proteggendo tutti i componenti metabolici contro danni da ossidazione.

La sintesi di collagene, una proteina ubiquitaria nel nostro organismo, richiede vitamina C. Chi assume farmaci betabloccanti va incontro a carenza di collagene, perché la vitamina C compete con l’azione farmacologica nei canali del calcio40

Questo meccanismo spiega l’aumento dei disturbi gengivali e del rischio di cancro al seno in seguito all’uso di farmaci betabloccanti, che quindi determinano un aumento del fabbisogno di vitamina C41.

Vitamina E

La vitamina E protegge le membrane cellulari e i componenti grassi contro i danni da radicali liberi. La vitamina E prolunga l’efficacia della vitamina C. Una eccessiva produzione di radicali liberi è stata associata a invecchiamento, danno tissutale e varie malattie.

Taurina

La taurina è un aminoacido derivato da cisteina e vitamina B6. È molto importante per una funzione cardiaca ottimale in quanto aiuta a mantenere il battito cardiaco regolare e a stabilizzare le membrane cellulari.

Livelli bassi di taurina sono stati rilevati dopo un attacco di cuore.

La taurina contrasta la formazione di depositi vascolari, ha effetti antinfiammatori e può essere molto utile dopo un infarto42.

Studio clinico con pazienti affetti da fibrillazione atriale parossistica

Un gruppo di ricercatori californiani ha condotto una ricerca in collaborazione con alcune cliniche tedesche, utilizzando una sinergia di micronutrienti selezionati43.

Si tratta di uno studio clinico randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, che ha testato gli effetti a lungo termine di un programma specifico di micronutrienti sulla riduzione clinica degli episodi aritmici, in combinazione con la terapia farmacologica.

La ricerca muove dal fatto che le cellule del muscolo cardiaco, deputate alla funzione elettrica, hanno esigenze nutrizionali straordinarie, e una specifica carenza cronica di sostanze nutritive essenziali compromette la produzione di bioenergia cellulare.

Ciò può causare disturbi nella generazione e nella conduzione degli impulsi elettrici nel miocardio, consentendo lo sviluppo di un battito cardiaco irregolare.

Design dello studio

Uno studio multicentrico (uno studio clinico condotto secondo un unico protocollo svolto parallelamente in 35 cliniche in Germania) randomizzato, a doppio cieco controllato con placebo, è stato condotto per 24 settimane con 131 pazienti affetti da aritmia atriale parossistica.

Tutti i pazienti sono stati avvisati di continuare l’assunzione dei farmaci prescritti dal loro cardiologo. Il programma di integrazione nutrizionale consisteva in specifiche sostanze nutritive essenziali che funzionano in modo sinergico.

Risultati

C’è stato un effetto statisticamente significativo dei micronutrienti sulla riduzione clinica degli episodi aritmici, in contrasto con il gruppo placebo (p = 0.0160). Durante sei mesi di osservazione il numero medio di episodi per paziente è stato inferiore nel gruppo vitaminico rispetto al gruppo placebo (25,1% vs 42,4%, p = 0,037).

Aritmia cardiaca: rimedi naturali, cause, fattori di rischio 2 -Solo il 47,8% dei pazienti che avevano ricevuto l’integrazione vitaminica ha riportato sette o più episodi aritmici, in contrasto con il 73,9% del gruppo placebo.

Il numero di pazienti con più di 10 episodi (di aritmia o fibrillazione atriale) è stato significativamente inferiore nel gruppo che ha ricevuto l’integrazione (45,5%) rispetto al gruppo placebo (69,6%).

L’intervallo di tempo tra gli episodi aritmici era più breve nel gruppo placebo rispetto al gruppo a cui è stata fornita l’integrazione (Log Rank Test: p = 0.0332 for PP analysis set).

Con un periodo più lungo (sei mesi) di integrazione, il numero di pazienti senza sintomi per aritmia o fibrillazione atriale è aumentato e la frequenza episodica è diminuita progressivamente.

I ricercatori hanno osservato che, oltre ad allungare i tempi tra un episodio e l’altro (p=0.0332), l’integrazione ha migliorato la qualità di vita rispetto al gruppo placebo (p=0,0118 – somma di Wilcoxon).

Una valutazione del livello di “salute mentale”, ha mostrato un miglioramento di 7,4 punti e una diminuzione di -1,6 punti nel gruppo placebo.

Conclusioni

Il programma di micronutrienti impiegato in questo studio fornisce una riduzione sicura e statisticamente efficace degli episodi aritmici, nonché un miglioramento significativo della salute generale e della qualità della vita.

 

Vital Cardio  – Benessere Cardiovascolare

  • Vitamine del gruppo B, Vitamina E, C, L-Carnitina, Taurina e il Coenzima Q-10 nelle forme naturali e maggiormente biodisponibili.
  • Supporta tutto il sistema cardiovascolare
  • Favorisce la sintesi di bioenergia per la regolarità dei battiti cardiaci

Riferimenti

  1. F.Francini e G.Losano, Elements of human physiology, UTET, 1985
  2. Heart Disease and Stroke Statistics—2021 Update https://bit.ly/3gozNd1
  3. Documento di Strategia 18 maggio 2017 – PDF https://bit.ly/2TwDwMo
  4. Lippi G et al. Global epidemiology of atrial fibrillation: An increasing epidemic and public health challenge. Int J Stroke. 2021 PMID: 31955707
  5. Al-Kawaz M et al. Comparative Risks of Ischemic Stroke in Atrial Flutter versus Atrial Fibrillation. J Stroke Cerebrovasc Dis. 2018 PMID: 29223550
  6. Acharya P et al. Effects of Vitamin D Supplementation and 25-Hydroxyvitamin D Levels on the Risk of Atrial Fibrillation. Am J Cardiol. 2022 PMID: 35369930
  7. Esler M. Pivotal role of the sympathetic nerves of the human heart in mental stress responses and triggered cardiovascular catastrophes. Auton Neurosci. 2022 PMID: 34896690
  8. Liu X et al. Association of Chronic Obstructive Pulmonary Disease With Arrhythmia Risks: A Systematic Review and Meta-Analysis. Front Cardiovasc Med. 2021 PMCID: PMC8514787
  9. bala, Sayf MD et al. American Journal of Gastroenterology 2016
  10. Lazzerini PE et al. Inflammatory cytokines and cardiac arrhythmias: the lesson from COVID-19. Nat Rev Immunol. 2022 PMCID: PMC8959266
  11. Roman C et al. Atrial fibrillation in patients with gastroesophageal reflux disease: a comprehensive review. World J Gastroenterol. 2014 PMCID: PMC4110594
  12. Kaya H, Barutçu S. Gastroesophageal reflux disease is associated with abnormal ventricular repolarization indices. Turk J Gastroenterol. 2019 PMCID: PMC6924604
  13. Hegyi B et al. Hyperglycemia regulates cardiac K+ channels via O-GlcNAc-CaMKII and NOX2-ROS-PKC pathways. Basic Res Cardiol. 2020 PMCID: PMC8349245
  14. Khan SG, Huda MS. Hypoglycemia and Cardiac Arrhythmia; Mechanisms, Evidence Base a nd Current Recommendations. Curr Diabetes Rev. 2017 PMID: 27908250
  15. Sukhovershin RA, Cooke JP. How May Proton Pump Inhibitors Impair Cardiovascular Health? Am J Cardiovasc Drugs. 2016 PMCID: PMC4864131
  16. Jan T. Kielstein, Sascha David, Magnesium: the ‘earth cure’ of AKI?, Nephrology Dialysis Transplantation, Volume 28, Issue 4, April 2013, Pages 785–787, https://doi.org/10.1093/ndt/gfs347
  17. Thu Kyaw M, Maung ZM. Hypokalemia-Induced Arrhythmia: A Case Series and Literature Review. Cureus. 2022 PMC8989702
  18. Wills MR. Magnesium and potassium. Inter-relationships in cardiac disorders. Drugs. 1986 PMID: 3732091
  19. Huang CL, Kuo E. Mechanism of hypokalemia in magnesium deficiency. J Am Soc Nephrol. 2007 PMID: 17804670
  20. Gau JT et al. Uses of proton pump inhibitors and serum potassium levels. Pharmacoepidemiol Drug Saf. 2009 PMID: 19557730
  21. Naji F et al 2010 PMID: 20145348
  22. British Medical Journal 2002, 325, 1070
  23. Curtis LH et al. 2003 PMID: 12586234
  24. Calderone V, Cavero I. Aritmie ventricolari letali. Possibile rischio associato all’uso di farmaci che prolungano l’intervallo QT Minerva Med. 2002 PMID: 12094149
  25. Sukhovershin RA, Cooke JP. How May Proton Pump Inhibitors Impair Cardiovascular Health? Am J Cardiovasc Drugs. 2016 PMCID: PMC4864131
  26. Nishio A, Ishiguro S, Miyao N. PMID: 3111814
  27. James SJ, Cutler P, Melnyk S et al. 2004 PMID: 15585776
  28. Hegyi B et al. Hyperglycemia regulates cardiac K+ channels via O-GlcNAc-CaMKII and NOX2-ROS-PKC pathways. Basic Res Cardiol. 2020 PMCID: PMC8349245
  29. Milojevic A, Wilkinson P et al. Short-term effects of air pollution on a range of cardiovascular events in England and Wales: case-crossover analysis of the MINAP database, hospital admissions and mortality. Heart. 2014 doi: 10.1136/heartjnl-2013-304963
  30. Brook RD et al. 2004 PMID: 15173049
  31. Shahrbaf MA et al. 2021 PMID: 32839041
  32. British Medical Journal 2002, 325, 1070
  33. Curtis LH et al. 2003 PMID: 12586234
  34. Forslund T et al. Early Risk of Stroke in Patients Undergoing Acute Versus Elective Cardioversion for Atrial Fibrillation. J Am Heart Assoc. 2021 PMCID: PMC8475048
  35. Tabina, A., Leleka, E., & Mazalskiy, D. K. (2018). Results of osteopathic treatment of patients with paroxysmal atrial fibrillation. Journal of Bodywork and Movement Therapies Scarica PDF
  36. Breton CV, Song AY, Xiao J, Kim SJ et al. 2019 PMID: 30980914
  37. Byun HM, Colicino E, Trevisi L, Fan T, Christiani DC, Baccarelli AA. 2016 PMID: 27107129
  38. Elizabeth Berry‐Kravis et al. 2001 Epilepsia PMID: 11879348
  39. Jarisch R et al. Impact of oral vitamin C on histamine levels and seasickness. J Vestib Res. 2014 PMID: 25095772
  40. Ivanov V, Ivanova S, Kalinovsky T, Niedzwiecki A, Rath M. 2016 PMID: 27335688
  41. Li CI, Daling JR et al. 2013 PMID: 23921840
  42. Ahmadian M, Roshan VD, Aslani E, Stannard SR. 2017 PMID: 28580833
  43. JANA Vol.8 No3 2005 Scarica PDF

Una Risposta a “Aritmia cardiaca: rimedi naturali, cause, fattori di rischio

  • Salvatore
    7 mesi fa

    Monica Martinuz tratta l’argomento in modo chiaro ed esauriente. L’articolazione digitale con “crocette” di approfondimento consente un duplice ed agevole livello di lettura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Google premia i contenuti originali