Guarire le fratture con la “micro” nutrizione

(Last Updated On: Agosto 3, 2016)

Guarire-le fratture-con-la-micro-nutrizione-Alcuni micro-nutrienti possono essere particolarmente utili per promuovere il recupero di un osso rotto. Oltre al Calcio ed alla vitamina D, altre vitamine, minerali e aminoacidi sono in grado di spingere il corpo ad assorbire e fissare meglio il calcio, fino a risultare utili per il mantenimento della salute delle ossa e dei tessuti nel corso degli anni.

Vitamina D

La vitamina D corrisponde a 5 precursori ormonali, ma le forme più importanti sono la vitamina D3 e la vitamina D2. [1] Il nostro corpo produce vitamina D grazie ad un’adeguata espsizione solare quotidiana.
Tuttavia, in determinati casi possiamo ricorrere all’integrazione, in particolare di vitamina D3.

La vitamina D3 è il tipo di vitamina D che il corpo produce in risposta all’esposizione solare, mentre la vitamina D2 no. La maggior parte degli integratori contengono vitamina D3, ma è meglio controllare per essere sicuri. Se il medico ti prescrive la D2, chiedi di prendere la vitamina D3.

La vitamina D nei ragazzi giovani

Nei pressi di Beirut, un gruppo di 338 ragazzi, tra i 12 e i 13 anni, sono stati coinvolti in uno studio condotto dal Dipartimento di Medicina del Libano.

Lo studio rivela che l’integrazione di vitamina D (dosi: da 1400 U.I. settimanali a 14.000 U.I. l’anno) può risultare particolarmente utile nelle bambine, per la formazione di una corretta geometria e densità ossea.[2]

Secondo uno studio [3] dell’Università di Zurigo (riportato in Archives of Internal Medicine), la supplementazione di vitamina D può ridurre il rischio di fratture ossee di ben il 20 per cento.

In totale, il gruppo di ricerca, condotto dalla dottoressa Heike Bischoff-Ferrari, ha messo in comune i risultati di studi clinici in doppio cieco che hanno coinvolto più di 42.000 partecipanti sui 65 anni di età.

Si è scoperto che la vitamina D è stata associata con una diminuzione del 14 per cento del rischio di fratture non vertebrali e un 9 per cento di diminuzione del rischio di fratture dell’anca.

Inoltre, si è visto che dosi più elevate hanno provocato meno probabilità di fratture rispetto a dosi più basse. Una dose di 400 unità internazionali al giorno può ridurre le fratture dell’anca del 18 per cento e di fratture non vertebrali del 20 per cento.

Calcio

Il calcio è essenziale per la salute delle ossa e dei denti e per guarire le ossa rotte. Le sigarette, l’alcool e la caffeina tendono ad esaurire tutti i livelli di calcio e ad ostacolare il recupero delle ossa rotte. Le diete ad alto contenuto di grassi, sale e zucchero aumentano la perdita di calcio. Il fosforo, riscontrato spesso nelle bibite, è un altro nemico del calcio.

Micro-nutrienti per assorbire meglio il calcio

Aminoacido L-Lisina

La Lisina è un amminoacido che sostiene l’assorbimento del calcio e la rigenerazione dei tessuti connettivi. Ciò ne fa un ingrediente naturale da aggiungere alla nostra alimentazione per il trattamento delle fratture.

La Lisina è importante anche nella formazione delle proteine muscolari. Gli alimenti che contengono quantità significative di lisina sono lievito, prodotti di soia, latte e pesce. Tuttavia, dato l’alto livello di intolleranze e allergie, insieme con la necessità di assumere dosi di Lisina in quantità controllabili ed adeguate può essere necessario ricorrere ad alcuni integratori.

Silice

La Silice è un minerale che aiuta la riparazione dei tessuti danneggiati. Inoltre aiuta il corpo ad assorbire il calcio e può accelerare il recupero delle fratture. Lo stesso vale per il magnesio.

Vitamina C

La vitamina C rafforza le ossa e il tessuto connettivo (insieme agli aminoacidi L-lisina e L-prolina), e svolge un ruolo importante nella cicatrizzazione dei tessuti, ossa comprese. E’ noto che le cicatrici, le scottature, le piaghe  guariscono più velocemente grazie alla vitamina C. La vitamina C in dosi massicce offre una marea di vantaggi tanto che c’è da chiedersi perchè si ostinano a NON utilizzarla negli ospedali!

La vitamina K

Conosciuto anche come menadione, la vitamina K aiuta il corpo nella coagulazione del sangue. La vitamina K è importante anche nella formazione ossea e nella prevenzione dell’osteoporosi. I farmaci anticoagulanti agiscono contro la vitamina K.

Oligoelementi

Il Boro, insiame a Calcio, Magnesio, Manganese e Rame aumentano l’assorbimento del calcio dal sistema digestivo e dal metabolismo.

N-acetil-D-glucosamina

Necessaria per la produzione ottimale di glicosaminoglicani, componenti chiave del tessuto connettivo, la N-acetil-D-glucosamina sostiene la formazione di cartilagine e di fluido sinoviale [4].

Condroitin solfato

Garantisce l’integrità e la funzione del tessuto connettivo necessario per la costruzione di ossa e articolazioni [4].

Arginina

Uno studio del 2009 condotto in India su un gruppo di conigli ha evidenziato come l’Arginina e la Lisina abbiano accorciato i tempi di cicatrizzazione delle fratture.

I risultati dello studio:
una migliore guarigione dell’osteotomia in termini di miglior vascolarizzazione, formazione di callo e mineralizzazione. Il tempo di guarigione nel gruppo in cui sono stati somministrati i due aminoacidi è stato ridotto di un periodo di 2 settimane.[5]

 

Riferimenti e fonti

[1] Wikipedia

[2] PubMed

[3] Archives of Internal Medicine
Volume 169, Number 6, Pages 551-561
“Prevention of Nonvertebral Fractures With Oral Vitamin D and Dose Dependency
A Meta-analysis of Randomized Controlled Trials”
Authors: H.A. Bischoff-Ferrari, W.C. Willett, J.B. Wong, A.E. Stuck, H.B. Staehelin, E.J. Orav, A. Thoma, D.P. Kiel, J. Henschkowski

[4] PDF The Role of Glucosamine Sulfate and Chondroitin Sulfates in the Treatment of Degenerative Joint Disease

[5] NCBI

Herbs2000

Nutritional Guidelines and Information

 

I commenti sono disabilitati.